You Don't Know How It Feels…To Be Me

Ich bin ins Kino gegangen

E’ passato molto tempo dall’ultima volta che ho pubblicato questa rubrica cinematografica, così questo, con il titolo un po’ cambiato, è quasi il riassunto dell’intera stagione.

Rachel sta per sposarsi
Non amo i film in cui la tecnica registica sovrasta il racconto, nel senso che la scelta di girare tutto il film con la telecamera a spalla alla lunga stufa e oltre a tutto, visto che il soggetto è un matrimonio, sembra molto un filmino amatoriale con primi piani di nuche e scene da mal di mare. Discutibile anche il riprendere tutto in tempo reale e parlo soprattutto di quando parenti e amici decantano con uno spirito tutto USA, le virtù degli sposi. La scena è di una noia incredibile.
Tutto questo rovina un’idea che, quando avevo letto la trama, mi era sembrata anche interessante.
Voto: 1,5/5

Milk
A me piacciono i biopic, soprattutto quando riguardano personaggi di cui sapevo poco e soprattutto quelli diversi dalle fiction biografiche nostrane. Forse però visto il personaggio si poteva osare di più, andando un po’ oltre il racconto della sua vita, perché il film dà l’impressione di rimanere un po’ troppo legato ai meri fatti accaduti al protagonista, senza molto approfondimento.
Voto: 3,5/5

La Matassa
Dopo il tramonto cinematografico di Aldo, Giovanni e Giacomo, ci sono rimasti Ficarra & Picone a sostenere la commedia italiana non cinepanettonesca. Un film carino, con una sua trama anche abbastanza originale, che fa passare una bella serata. Sembrerebbe una banalità produrre film così, ma nel panorama cinematografico italiano sono perle rare.
Voto: 3/5

Angeli e Demoni
Premesso che, come ben sa chi segue questo blog da un po’ di tempo, ho trovato il libro insulso, il film è riuscito comunque a deludermi. Non tanto nella trama, dove anzi la scenggiatura ha eliminato qualche bestialità che c’è nel libro, quanto nella regia e nella fotografia. Passino le scene nei luoghi sacri che sono state tutte ricostruite in computer graphic a causa del divieto vaticano, ma anche le scene di azione nei normali luoghi romani, mi sono sembrate mal girate e talvolta neanche tanto a fuoco, cosa che nel Codice Da Vinci non avevo rilevato.
Voto: 1/5

Una Notte Al Museo 2
Non ho mai dato un voto così basso e su altri siti di critica cinematografica non è neanche possibile. Il motivo non è tanto perché il film sia brutto, diciamo che è mediocre, quanto perché è un film inutile. Non c’è nessuna ragione per fare un film così, se non incassare altri soldi. Ma se in Italia i film di cassetta servono per finanziare quelli d’autore (o così ci raccontano), per Hollywood neanche questo regge. Infatti il film non fa particolarmente ridere, se non con gag da cinema muto, non ha particolari effetti speciali degni del grande schermo. Ha la stessa trama del primo film, ma a quanto ho letto, qualche elemento è stato anche banalizzato per renderlo più appettibile per i bambini. Durante la visione mi sono trovato spesso a guardare l’orologio o ad interessarmi all’impianto di aerazionde della sala e non mi capita spesso.
Voto: 0/5

Uomini che odiano le donne
Nonostante mi renda conto che come voto potrebbe meritare di meno, ha quegli elementi che mi fanno seguire un film con trasporto. La prima è senz’altro la protagonista interessante il personaggio e come è stato reso dall’attrice e poi l’ambientazione, perché a me le ambientazioni europee soprattutto se nordiche mi affascinano. Penso che leggerò anche il libro, cosa che non faccio praticamente mai dopo aver visto il film.
Voto: 4/5

The Millionaire
Non mi ha detto molto e non mi ha coinvolto più di tanto, perché mai durante la visione mi sono identificato con i personaggi. Mi ha lasciato solo una sensazione di nausea alla bocca dello stomaco per certe scene. Penso quindi che sia stato molto sopravvalutato.
Quando sui titoli di coda un amico mi ha fatto notare che il regista è lo stesso di Trainspotting, ho capito: stesso senso di nausea e stessa sensazione che se me lo fossi perso, sarei vissuto bene lo stesso.
Voto: 2/5

Harry Potter e il Pricipe Mezzosangue
Non è possbile fare un film, anche di più di due ore su di un romanzo di 588 pagine senza fare tagli pesanti e con questa premesse potrei anche aver finito la recensione. Perché, come mi aspettavo, i tagli ci sono stati e molte volte durante il film, mi sono reso conto che molti passaggi narrativi mi tornavano giusto perché avevo letto il libro e soprattutto me lo ricordavo abbastanza bene. Infatti ogni tanto ho avuto la sensazione che certe sotto trame si interrompessero bruscamente, per non essere più riprese. Già che ormai la serie dei film deve essere finita, almeno l’ultimo episodio sarà diviso in due lungometraggi disitinti
Voto: 2/5

L’Onda
In una settimana a tema, un professore per spiegare cosa sia l’autocrazia crea un piccolo sistema autocratico tra gli studenti, ma il gioco gli sfugge di mano. Nonostante le semplificazioni dovute alla durata del film e del progetto scolastico (una settimana appunto), il film rende molto bene l’idea della metamorfosi degli studenti senza calcare troppo la mano sulla violenza, cosa che nei film attuali è molto spesso abusata.
La cosa che mi è piaciuta di più, è il fatto che quasi ogni studente incarna un carattere tipo delle persone che si trovano ad avere a che fare con un sistema autocratico emergente: dal tipo che non ha niente nella vita e vi aderisce in modo totale, a chi vi aderisce con perplessità, a quelli che ne capiscono l’involuzione e iniziano la fronda e infine a quelli che da subito vi si contappongono in modo netto (Mona, il
personaggio in cui mi sono identificato di più).
Voto: 3,5/5

Me lo sono perso volentieri

Transformer – La vendetta del caduto
Bum, sbang, scatabeng, crash, scatacrash,…

Annunci

Navigazione ad articolo singolo

3 pensieri su “Ich bin ins Kino gegangen

  1. FrySimpson in ha detto:

    L’unico che ho visto è “The millionaire” e devo dire che sono d’accordo con te: decisamente sopravvalutato.

    Il classico film che ti senti in dovere di dire che è meraviglioso perché fa tanto “cinefilo colto”…

    …due maroni…

  2. LaCapa in ha detto:

    Ho fatto tombola!

    Non ho visto nessuno di questi film… 😉

  3. mudcrutch in ha detto:

    FrySimpson: secondo me scorre abbastanza bene e non l’ho trovato così noioso, però per il resto sono d’accordo con te.

    LaCapa: dei film che ho recensito in assoluto ti consiglierei di vedere “L’Onda”, perché ne vale davvero la pena.
    Potrei consigliarti anche “La Matassa” per l’ambientazione, che ti dovrebbe essere molto familiare. 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: